Jump to content


Capire il Churchill


  • This topic is locked This topic is locked
4 replies to this topic

PanzerPoff #1 Posted 11 May 2013 - 12:36 PM

    Warrant Officer

  • Player
  • 13688 battles
  • 685
  • Member since:
    04-11-2013
La prima considerzione da fare in realtà riguarda il gioco:pur riproponendo in maniera abbastanza fedele le caratteristiche dei vari mezzi,non può, e del resto non vuole, ricreare gli scenari reali in cui i carri vennero effettivamente impiegati. Sono quindi assenti dai campi di battaglia la fanteria, i bunker, l'artiglieria fissa ecc. Tutto ciò può portare a fuorvianti consideazioni sulle reali capacità dei carri disponibili, che molto più semplicemente vengono giocati in un contesto/ruolo diverso da quello per il quale erano stati progettati.
Il Churchill rappresenta in tal senso un ottimo esempio:vene infatti prodotto a partire dal 1941 come "carro pesante di appoggio alla fanteria", destinato a sostituire l'ormai superato Matilda.
Questa categoria di mezzi, in realtà poco rappresentata nelle forze corrazzate delle altre nazioni,ha sempre rivestito agli occhi del comando inglese una notevole importanza, testimoniata dal fatto che l'inghilterra mise sempre in campo carri appositamente progettati per questo ruolo, mentre gli altri paesi vi adattarono mezzi concepiti per altre esigenze.
Ma quali erano nel concreto le mansioni di questi carri:essenzialmente accompagnare il fante durante l'avanzata proteggendolo dal fuoco nemico, aprirgli un varco nelle difese statiche (bunker, reticolati, nidi di mitragliatrici ecc.), e ingaggiare in combattimento altri carri eventualmente presenti. Per svolgere al meglio questi compiti dovevano essere in grado di superare autonomamente molti degli ostacoli abitualmente didposti nei fronti organizzati: trincee, fossati anticarro, terrapieni, crateri da artiglieria ecc.
E' quindi fuori luogo, in questo contesto, l'idea del carro che agisce in maniera autonoma penetrando in profondità nel territorio nemico;questi carri erano infatti mezzi di accompagnamento destinati a spianare la strada alla fanteria. Di conseguenza le loro caratteristiche non potevano essere analoghe a quelle dei carri concepiti per la guerra di movimento, rappresentati in campo inglese dalla serie Cruiser (ovvero carri incrociatori).
Torniamo ora ad osservare il Chuichill alla luce di tutte queste considerazioni:
-La velocità è una qualità che passa chiaramente in secondo piano:non avrebbe senso disporre di un carro capace di raggiungere i 40km/h se poi deve mantenersi attorno, se non sotto ai 15km/h, ovvero la velocità media con cui i fanti avanzano in territorio ostile.
-La corrazzatura risultò di ottimo livello fin dai primi modelli e venne successivamente incrementata.
-I cingoli avvolgenti e la larghezza dello scafo garantivano notevole manovrabilità anche su terreni difficili, inoltre, grazie all'atezza della ruota anteriore il Churchill poteva superare ostacoli verticali superiori a quelli solitamente oltrepassabili da altri carri. Ecco alcuni esempi: Churchill 121cm; Tiger 79cm; Tiger II 85cm; Panther 90cm; Panzer IV 60cm; Kv-1 100cm; JS-2 90cm; T-34 71cm; Sherman 60cm.
-Anche la capacità di superameto di ostacoli orizzontali (trincee e fossati anticarro) era notevole:Churchill 3,45m; Tiger 2,5m; Tiger II 2,5m; Panther 2,45m; Panzer IV 2,40m; KV-1 2,7m; JS-2 2,40m; T-34 2,50m ; Sherman 1,90m.
-L'ottima stabilità del veicolo lo rendeva un'eccellente piattaforma di tiro, consentiva inoltre il trasporto di ogni genere di equipaggiamento. Questa caratteristica permise la progettazione di svariati mezzi speciali per il genio (descritti in seguito).
-Dato l'impiego contro fronti orgaizzati l'armamento iniziale prevedeva un cannone di grosso calibro alloggiato nello scafo,da utilizzare contro bersagli fissi, ed uno più leggero in torretta, col quale ingaggiare altri carri.
Quasi immediatamente però questa confgurazione fu ritenuta insoddisfacente, e così, partendo dal modello originale denominato MK1, si svilupparono numerosi sottotipi:
MK2:cannone nello scafo rimosso e sostituito con una mitragliatrice
MK3:cannone originale da 40mm sostituito con un pezzo da 57mm
MK4:stesso armametno alloggiato in una torretta realizzata per fusione anzichè mediante saldatura
MK5:cannone sostituito con un mortaio a corto raggio da 95mm, da usare contro postazioni fortificate
MK6:viene introdotto il cannone da 75mm montato anche sui Cromwell
MK7:entrato in produzione agli inizi del 1944 era in pratica un mezzo nuovo nel quale vennero introdotte numerose migliorie. Nuova scatola del cambio, sagoma ridisegnata, corrazzatura potenziata,  torretta di dimensioni maggiori con cupolino per il capocarro ampliato.
I modelli successivi alla serie 7 ebbeo impiego sopratutto post bellico: dell'ultimo, il Black Prince, si realizzaro solo alcuni prototipi,dopodichè la produzione/progettazione dei mezzi corrazzati si orientò sul concetto di MBT, abbandonando le distinzioni tra carri medi e pesanti che avevano caratterizzato tutto il secondo conflitto.
Dalle varie serie derivarono inoltre numerosi mezzi speciali, quelli elencati di seguito furono realizzati per supportare lo sbarco in Normandia, dove il comando alleato si aspettava di trovare un teatro di cambattimento organizzato, difeso da istallazioni pesantemente fortificate
-Churchill Crocodile:carro con lanciafiame in sostituzione della mitragliatrice nello scafo (fu l'unico mezzo di questo tipo adottato dall'esercito inglese). Il fluido infiammabile e il propellente erano trasportati in un rimorchio corazzato sganciabile dall'interno del carro. In condizioni favorevoli la fiammata poteva raggiungere i 100m.
-Churchill AVRE:realizzato appositamente per il genio presentava al posto del cannone un mortaio Petard da 290mm sparante proiettili altamente esplosivi a corto raggio. Il pezzo era ad avancarica, richiedeva quindi che il serviente si sporgesse fuori dal carro passando per un portello collocato appena soto la canna. Nonostante la pericolosità dell'operazione di ricarica ed il basso rateo di fuoco trovò utile impiego contro le fortificazioni del Vallo Atlantico, della linea Sigfrido e in tutte le battaglie urbane sostenute dagli alleati sul fronte occidentale. Data la stabilità del mezzo i genieri lo sfruttarono anche per il trasporto di mateiali ed equipaggiamento: fascine di legname per il superamento di fossati e trincee, gommoni, ponti smontabili ecc.
-Churchill Carpet Layer: letteralmente "stendi tappeto". Il "tappeto" era un rotolo di canapa estremamente robusto, sorretto da un argano collocato sul fronte del carro. Durante la marcia veniva srotolato e passando sotto i cingoli si stendeva, creando un sentiero transitabile per altri mezzi su terreni fangosi e/o cedevoli.
-Churchill Ark: carro getta ponte con due rampe collocate alle estremità delo scafo

Quindi, sebbene non famoso e temuto come altri carri, il Churchill fu senza dubbio un buon mezzo che diede un importante contributo alla vittoria alleata, e di fatti la sua vita operativa si prolungò a lungo dopo la seconda guerra mondiale (con i debiti aggiornamenti di strumentazione e armamento). Detto questo invito tutti i giocatori ad immaginare i carri nel contesto reale nel quale furono impiegati: nel ruolo di supporto alla fanteria infatti in Churchill diede sempre buona prova.
Chiudo questa lunga digressione sul mio carcassone preferito sperando che vi sia piaciuta!

PanzerPoff #2 Posted 15 May 2013 - 10:03 AM

    Warrant Officer

  • Player
  • 13688 battles
  • 685
  • Member since:
    04-11-2013
Grazie per il +1!Ormai iniziavo a pensare che non ci fossero estimatori del povero Churchill!

prandy #3 Posted 15 May 2013 - 06:39 PM

    Private

  • Player
  • 3537 battles
  • 23
  • Member since:
    11-19-2011
E qui c'è un altro estimatore! Peccato solo che in questo gioco abbiano davvero poca considerazione come il ramo inglese in generale.... Secondo me avrebbero dovuto organizzarli proprio come "carro di supporto a fanteria" e non come un normale pesante, infatti immagino che molti spesso non lo capiscano e si trovino male.....

Edited by prandy, 15 May 2013 - 06:41 PM.


PanzerPoff #4 Posted 15 May 2013 - 08:35 PM

    Warrant Officer

  • Player
  • 13688 battles
  • 685
  • Member since:
    04-11-2013
Ecco il mitico estimatore con il black prince sulla bandiera!ricordavo di averti visto scrivere su in altri topic sul Churchill, spero che tu abbia apprezzato la recensione allora  :smile: . Comunque tra poco appena avrò addestrato a dovere un equipaggio sul matilda tornerò al carcassone, sperando di arrivare in tempi accettabili al black prince!

prandy #5 Posted 15 May 2013 - 08:48 PM

    Private

  • Player
  • 3537 battles
  • 23
  • Member since:
    11-19-2011
Io alla fine ci sono arrivato........ il mkVII è un poco lunghetto, ma comunque divertente. Nel BP devo ricercare cannone, sospensioni e radio. Dopo non penso che andrò oltre, troppe spese di mantenimento e troppa esperienza da fare. Dopo magari potrei ricercare l'ultimo churchill che mi manca, il gun carrier. Ho naturalmente tenuto anche il matilda ;) rigorosamente con il 2pdr




1 user(s) are reading this topic

0 members, 0 guests, 0 anonymous users